Gabbiano Romano

Li Delfini Su A Venezia

Ho sentito dalla media
che Natura se riprende
senza smog, o ‘nquinamento
quanno l’Omo nun offende.

Ché le fabbriche so’ chiuse
E le macchine nun vanno
L’immondizzia nun se forma
Nun se crea più tanto danno.

La Natura se ripija
Madre cara e pur pazziente
Se ributta ne la Vita
Come se nun fosse gnente.

Metti caso che quest’ Omo
Su er pianeta decimato
Nun potesse paga’ I conti
De’r disastro ch’è avvenuto,

Famo conto scomparisse
Chi lo piagne, chi lo manca?
Certo no la Flora o Fauna
Né la Terra troppo stanca.

Prima ‘ngrato poi egoista
Tutto ruba, senza intesa
Brucia, taglia, scava e prenne
Stolto reca grande offesa.

Vie’ er momento che Natura
Quanno all’Omo poco importa
Mamma cara, poi paziente
Questa pure s’arivorta.

Perché come regazzini
Che nun stanno zitti e boni
Come Madre lei te dice
Che s’è rotta li maroni.

Se te fossi preso ‘r tempo
De ‘npegnatte co ‘na cura
De trova’ na soluzzione
Pe’ sta povera Natura,

Forse allora pure questa
Nun avrebbe ‘ncominciato
Sta ‘nfezione che va ‘n giro
sto ‘nvisibile reato.

Tutto preso da le selfy
Egoista, dentro e fòri
te riguardi ne lo specchio
De ‘na posa t’ennamori.

Se vortassi mo’ lo sguardo
‘ndietro ar cupo tuo passato
Basterebbe a ricordatte
Sto pericolo è già stato.

Nella storia, te ricordi
C’è ‘r colera, c’è l’ebola
Ce sta er tifo, c’è la peste
La Cinese e la Spagnola.

C’arisemo, questo è er fatto
Sto discorso n’antra vorta
Che pe’ forza o pe’ passione
Mo’ te ‘mpari, se te ‘mporta.

Perché questa è la lezione:
Facce caso, La Natura
Nun è serva dell’umano
E de lui nun se ne cura.

Cosí quanno vie’ la fifa
Tutto passa, ve dicete
E poi forti più de prima
Sempre che nun ne morite.

Se seguissi più le norme
Dico mo’ ipotizzando
Forse pure sto contagio
Nun s’andasse ripetendo.

Che nun servono i lucchetti
A tenevve salvi a casa
Mo’ ve basta la paura
Pe’ tene’ la porta chiusa.

Tutti dentro mo’ co’ er panico
Nun se ride in compagnia
Gnente abbracci, gnente baci
Nun se va giù ‘n trattoria.

Ma s’è vero che s’impara
Speciarmente quanno è dura
Fate allora sta promessa:
Più riguardo pe’ a Natura.

Perché vedi com’è chiaro
Che nun siete li più svelti
Der pianeta l’animali
Né i piú belli, né i piú forti.

Quindi fate mo’ ‘no sforzo
Sto castigo di’ l’accetto!
Da st’esempio sì ‘mparate
Co’ umiltà e più rispetto.

E ar più presto ritrovate
Quello che de più ve piaccia
Più dei soldi, più che l’oro:
De pijasse tra le braccia.

E pe’ datte ‘na speranza
Se rischiaran l’aquitirini
A Natura te fa’ ‘n gesto:
Su a Venezia, co’ delfini.

20/03/2020 – Sandro Nocentini

10 Short Stories

In an old drawer I found some writing that I intended for children even before my beautiful ones were born. Thanks to digital possibilities, finally they have been edited and published in an e-book. I also enjoyed illustrating them with quick and expressive sketches.

 

ugly2WebSm

 

With the intention to entertain our children and educate them to respect our pets, these are short stories to help families and classrooms discuss the behaviour of our domestic animals and their welfare.

 

COVERwebSM
Ebook available from Amazon and iBooks stores.

 

The Dog With No Name, and other short tails is now available for purchase on Amazon and iBooks. Only available in digital form, for now, this collection of short stories is ready for your Kindles, iPads and tablets.

Please be aware that the title above also includes the short story “The Blue and Muffin Dress”.